Filler Riassorbibili e Semipermanenti

E’ un trattamento che stimola, attraverso l’applicazione di una sosatnza sulla pelle, l’esfoliazione e favorisce il ricambio della pelle.
A seconda del livello di profondità distinguiamo peeling superficiali, medi e profondi.

Yellow peel

Peeling di ultima generazione,composto da un’associazione di sostanze, che ha lo scopo di esfoliare e stimolare il derma nella produzione di fibroblasti.

Composto da acido salicilico, bisabololo, vitamina c, acido retinoico, acido fitico, acido azelaico e acido cogico, trova indicazione:

Nelle ipermelanosi (macchie da gravidanza, contraccettivi orali, pigmentazioni post peeling)
Fotoaging (invecchiamento )
Acne (esiti cicatriziali ed acne in fase attiva)
Due giorni dopo il peeling, inizia un’esfoliazione furfuracea che dura 4-5 giorni; si può applicare il make up subito dopo.

Nanopeel

Arrivano i peeling ‘soft’ per rinnovare e ringiovanire la pelle, realizzati grazie alla ricerca medica scientifica sulle nanotecnologie. Rispetto ai tradizionali trattamenti di peeling i prodotti high tech sono meno aggressivi. Inoltre, i nanopeeling non sono liquidi, come quelli oggi utilizzati, ma gel che si applicano con la punta delle dita. Permettono quindi applicazioni localizzate e differenziate con peeling a diverse concentrazioni e formulazioni. Le nanoparticelle, inoltre, sono piccolissime ma essendo rotonde hanno una grande superficie e assorbono i principi attivi del peeling (acido glicolico, acido citrico, ecc.) che vengono veicolati in profondità nella pelle. In questo modo è possibile realizzare un peeling efficace a una concentrazione più bassa del reattivo chimico. Tutto questo permette di usare i peeling anche sul contorno occhi, una zona delicatissima.